La PaciAda 2015 - 1a Edizione 12 aPRILE 2015
Foto by  Renato Siesa. E' assolutamente vietato l'uso improprio delle stesse senza il consenso dell'autore
A San Dionigi per il Miracolo di San Dionigi Le lavandaie La rappresentazione dialettale delle lavandaie Foto ricordo - Elena - Rosetta - Angela Una volta si lavava e si stendeva cosė il gruppo sotto il Castello per un po' di storia alla colonia l'Officiale di Porto Al salt dal gatt Zitti! L'Officiale di Porto vi controlla! il parco dell'Isola Borromeo
La Műscia  la pasa , la pasa e la va….  e l’Ada la cumpàagna a pèna de là;  l’acqua l’è ciàara, l’è fresca sa poeut beef  per ‘l viandant ca pasa e gà tanta seet.      La pasa suta i punt, e la và vers la stasion,  e paar che la disa anca un’urasion;  la gént ca pasa via la varda sempar giò  la cuumpagna  co i oeuc fin ca' sa poeut.      L’acqua l’è verda, l’è ciara, sa veet al fuunt,  l’è una meraviglia, una meraviglia dal muunt;  al castéll al sa spècia  e sbadigliando al diis  soeu apena svegliaa, ma sciaquaroo al viis.      E quant ca ghè la piena, mama mia che pagura,  la sa sént a vuusà in tűta la pianűra;  toeut la porta via, nient sa salva poeu,  mei ‘staga de luntaa, pűsee ca saa poeu.      L’acqua la pasa a  travèrs a la ciapéra,  a la trabuca in Ada in ogni manéra;  l’Ada risentida la sembra dé alto là  l’è menga la manera, la manera de fà.      A nè pasaa de ann, e purtropp toeut è cambiaa,  e sa ta bévat l’acqua, ta resciàat da vèes avelenàa;  ma  la Műscia la pasa , la pasa e la va…..  e l’Ada la cumpàagna a pena de là.      Renato Siesa      11/12/2003
La Műscia e l’Ada 
La Muzza  passa, passa e va….  e l’Adda l’accompagna appena più in là;  l’acqua è chiara, è fresca si può bere  per il viandante che passa e ha tanta sete.      Passa sotto i ponti, e và verso la stazione,  sembra che dica anche un’orazione;  la gente che passa via guarda sempre giù  l’accompagna con gli occhi fin che si può.      L’acqua è verde, è chiara, si vede il fondo,  è una meraviglia, una meraviglia del mondo;  il castello si specchia  e sbadigliando dice  mi sono appena svegliato, mi sciacquerò il viso.      E quando c’è la piena, mamma mia che paura,  la sa sente urlare in tutta la pianura;  tutto porta via, niente si salva più,  meglio stare lontano, più che si può.      L’acqua passa attraverso alla ciapera (1),  e trabocca in Adda in ogni maniera;  l’Adda risentita sembra dire alto là,  non è la maniera, la maniera di fare.      Ne sono passati di anni, e purtroppo tutto è cambiato,  e se tu bevi l’acqua, tu rischi di morire avvelenato;  ma  la Muzza passa, passa e va…..  e l’Adda l’accompagna appena più in là.      Renato Siesa
(1) scolo di cemento per fare defluire le acque quando il fiume è in piena
La Muzza e l’Adda